Appunti · Clematis flammula · Clematis Triternata Rubromarginata

Nella botte piccola…

Quando la grandezza non basta più…ecco che fare un passo indietro può servire a rendersi conto che nella botte piccola…ci sta il vino buono. E allora vorrei parlare di questa inusuale clematide. Inusuale perchè poco frequente da incontrare, inusuale perchè quando si parla di piccolo, spesso e volentieri manca la voglia di soffermarsi ad osservare, a catturare quei piccoli dettagli che invece fanno grande ciò che viene osservato. Inusuale perchè esce troppo dagli schemi predefiniti di bellezza, troppo insignificante per quello di cui la vista vuole godere. Ma qua, si fanno tondi gli osservatori, gli ammiratori del dettaglio, del particolare, delle forme meno comuni e soprattutto delle dimensioni non canoniche.

triternata (2)
Clematis Triternata Rubromarginata

Raccontare e far apprezzare “Triternata Rubromarginata”, non è una questione da poco. Il nome stesso incute timore. Ma dietro uno scioglilingua di questo genere, assicuro una certezza di cui vale la pena parlare. Il 1863 è l’anno in cui il primo fiore è sbocciato. Un incrocio di pollini tra la Clematis flammula e Clematis viticella. Un incontro che ha dato un gran risultato. I fiori è vero sono piccoli, caratteristica conservata dai genitori, ma dagli stessi genitori ha ereditato anche quello che di più impattante caratterizza questi gruppi: la massa (spesso chiamata anche col termine di “cluster” ad indicare proprio quello di cui parliamo). Nuvole di piccoli fiori stellati vengono prodotti ogni anno sulla nuova vegetazione. Ogni anno sempre di più. Nel singolo fiore i sepali si incrociano quasi perpendicolarmente. Il colore centrale è bianco e sfuma sul rosa verso le punte.

Clematis Triternata Rubromarginata
Clematis Triternata Rubromarginata

Mano a mano che i fiori maturano, i sepali subiscono una torsione e gli stami si indorano sempre di più. Ed è questo il momento per avvicinarsi nei paraggi della clematide e gustarsi il suo profumo. Un profumo di primavera, un profumo che in lontanaza ricorda la Clematis flammula. Il momento della massima esplosione è la piena estate. Ne sono rimaste poche in vivaio, si contano su una mano. Nell’autunno 2013 ho piantato un esemplare in piena terra sotto al pergolato assieme alle altre. E’ un pò particolare come clematide, direi un pò impegnativa all’inizio. Deve stabilizzarsi nel nuovo ambiente e ci vuole un pò di pazienza, ma sono sicuro di riuscirci. E una volta stabilizzata, prenderà campo e riempirà con noncuranza il suo spazio, occupando il posto che le spetta e che si merita.

Clematis Triternata Rubromarginata
Clematis Triternata Rubromarginata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...